Retail: come difendere un punto vendita?

09/08/2017

Di sicurezza in ambito retail ha parlato Sandro Bonusi, Funzionario Commerciale Retail e Gdo di Surveye, in un'intervista alla rivista sicurezza.

"Protezione fisica di cose e persone, rischio rapina, difesa dei dati: sono solo alcuni dei nodi da sciogliere nella definizione di un sistema di sicurezza in ambito retail" spiega Bonusi.

Come si protegge un punto vendita?
Un buon compromesso prevede, per quanto riguarda la parte esterna, impianto antintrusione con barriere e sensori, abbinato a telecamere con video analisi a bordo. L'obiettivo? Minimizzare i falsi allarmi, accertando in tempo reale ogni tentativo di effrazione.

Dall'esterno, spostiamoci all'interno dei locali...
Qualora i ladri riuscissero a eludere la protezione esterna, è fondamentale rallentarne il loro operato...

Come?
I nebbiogeni rappresentano una valida soluzione all'interno dei punti vendita. Collegati a un sistema di allarme, entrano in funzione come una sirena ma, anziché emettere un suono, sprigionano una nebbia impenetrabile, impedendo di vedere all'interno dei locali protetti. In questo modo prendono di sorpresa l'intruso e lo disorientano, rendendone complicato il movimento e inibendolo quel tanto che basta a consentire l'intervento delle Forze dell'Ordine.

Parliamo di futuro: su quale tecnologia punterebbe e perché?
Sull'evoluzione della video analisi che - in ambito retail - oltre alle funzioni proprie, oggi è già in grado di offrire supporto anche in termini di marketing.

fonte: Sicurezza

‹‹ Torna alle news